onofroff

In pochi secondi Onofroff blocca la mano di chi era venuto a trovarlo e gli propone una sfida misteriosa…
Ma ecco le parole esatte dell’incontro.

Infine arrivò il momento per Marck di andare in scena, ed Onofroff rimase solo. Mi avvicinai a lui e lo chiamai. Il Maestro, a sentirsi chiamare , alzò nervosamente lo sguardo e lo incrociò con il mio. Poi, con un fare molto suggestivo, con un gesto molto espressivo, mi salutò. Poi disse :

– La prego di perdonarmi se faccio errori nel parlare, perché non padroneggio perfettamente lo spagnolo.

– Niente affatto! Al contrario, lo parla perfettamente.

E continuai:
– Ho bisogno di un piccolo aiuto sa?
– Vediamo , che cosa vuole da me?

Desidero  – dissi, un po’ impressionato – in primo luogo, se ha la bontà di dimostrarmi i suoi esperimenti , dei quali dubito, e, in secondo luogo, di parlare dettagliatamente di essi.

– Per quanto riguarda il primo, signore, non so se potrò convincerla. Se lei viene a sfidare i miei esperimenti, io non accetto, però: se, con fede e determinazione, vuole sottoporsi ad essi… allora cambia!

– Vorrei sottopormi ad essi.
– Ah! Bene, allora vediamo se lei è un buon soggetto. Metta il palmo della mano sulla mia.

Obbedii.

– “Ora” – mi gridò – anche se vuole ritirarla non potrà, poichè non voglio! E osservi che non la imprigiono, che non siamo che in contatto…Tiri…Tiri!

Io, facendo uno sforzo supremo, cercai di togliere la mia mano dalla sua. Imposibile! Era qualcosa come un potente magnete o una piastra elettrificata. Con i miei scatti tiravo anche il corpo di Onofroff, ma le palme delle mani rimanevano unite come un pezzo unico.

– A che le servono le forze, amico mio? Gridò scherzando…

Ho tirato più forte. Niente!

– Ora basta! Disse.

E le mani si separarono come per magia, come se fosse svanito il fluido che le univa. Onofroff poi mi diede un buffetto sulla guancia.

– E’ un po’ pallido, questo dimostra che lei inizia a credere in me… Finirà per essere il mio migliore amico.

– Onofroff parlava con un accento affettuoso quasi paterno, sempre con i suoi occhi ammalianti fissi sui miei.

– Farò altri esperimenti con voi a casa mia , se mi onorerete di una vostra vis visita.
– Quando? gli chiesi.
– Quando..? Quando?…  Mormorò  parlando tra sè e sè .

– Oggi è Sabato… Domani, Domenica, è un giorno di riposo… Dopo domani, le va bene?
– Molto bene, dissi.

– Bene, quindi dopo domani sarà così gentile da venire a farmi visita a casa mia.
– Dove alloggia? Chiesi.

– Non ha bisogno di saperlo – disse, sorridendo enigmatico.
– Ma signor Onofroff, come faccio ad arrivare da lei senza sapere dove abita?

– Amico mio: Onofroff non pensa mai delle cose impossibili, le prometto, davanti a tutti questi signori, ed indicò il gruppo di artisti che ci circondava  – che dopodomani il suo subconscio la condurrà dove vivo e dove la starò aspettando.
– E impossibile! – Affermai.

– Per la volontà di Onofroff nulla è impossibile, disse. Difficile qualche volta. Comunque, devo andare.

E mi tese la mano mentre mi diceva : “A dopo domani, a casa mia, parleremo di ciò che lei vuole e la sottoporrò ai miei esperimenti”.

– Non credo che ci vedremo. Sarebbe meglio che ci mettessimo d’accordo sui dettagli – dissi non convinto.

– Non si preoccupi, signore. Ho impegnato la mia parola .

– Vada, arrivederci…

Come andrà a finire? Lo sapremo nella prossima newsletter!

Sei sinceramente interessato/a ad approfondire e padroneggiare queste materie con un corso?

Compila il seguente modulo per ricevere tutte le indicazioni necessarie ad accedere alla nostra formazione:

Il Tuo Nome (richiesto)

La Tua Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Città

Professione (richiesto)

Data di nascita

Hai già partecipato a corsi di formazione in questo settore?
No
Scegli una sede (richiesto)

Motivazioni per cui vuoi partecipare alle nostre iniziative (richiesto):

Esperienze precedenti / ulteriori motivazioni:

Note:

(compila questo campo e sarai contattato in maniera PRIORITARIA)



Tagged with:

Filed under: ipnomentalismo